Bagnara vecchia - Comune di Bagnara di Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - La città - Cenni storici - Bagnara vecchia  

Bagnara vecchia

 

Bagnara è situata nella bassa pianura ravennate, un territorio dove sono ancora visibili le tracce dell'antica centuriazione romana e dove riaffiorano, di tanto in tanto, reperti databili all'epoca villanoviana (prima età del ferro) e al periodo etrusco. Il toponimo di Bagnara è collegabile alla qualità del terreno, un tempo paludoso, oggetto di bonifica da parte degli Etruschi e successivamente colonizzato dai Romani (Silva Bagnaria o Balnearia ).
 

Fossa-carabinieri

Quasi sicuramente di epoca romana è l'antico Castrum , il primo nucleo della città di Bagnara rinvenuto in località "Prato di S. Andrea", circa un chilometro a sud-est dell'attuale centro abitato, nei pressi dell'antica via Longa , un importante cardine (kardo ) dell'epoca della centuriazione. Nella carta topografica sono tuttora evidenti le tracce del reticolato, il sistema con cui i territori conquistati venivano divisi in modo geometrico ed affidati ai soldati-coloni (centuriatio ): è dunque verosimile catalogare Bagnara di Romagna tra i vici  costruiti ai lati della Via Emilia dalle prime legioni romane, qui giunte nel III secolo a.C.

La prima memoria scritta del paese risale all'anno 855 d.C., quando la curtis  di Balnearia  risulta donata dal Duca Gisolfo di Imola all'Arcivescovo Giovanni di Ravenna. Nei secoli dell'Alto Medioevo ed in quelli dei liberi Comuni, una coltre di silenzio scende su Bagnara; sappiamo peraltro che Onorio II, con bolla papale del 1129, ne infeudò Bennone, vescovo d'Imola, che divenne primo Conte di Bagnara.
 
Del vecchio castello di S. Andrea oggi resta solamente un rialzo di forma ellittica, circondato da una depressione:  l'antico fossato di cinta. Secondo la ricostruzione storica finora prevalente tra gli studiosi, la distruzione di Bagnara Vecchia avvenne nel 1222, in una battaglia tra le città di Bologna e Faenza, alleate contro Imola, cui apparteneva Bagnara; gli abitanti rimasti senza tetto si stabilirono nei pressi dell'attuale centro abitato, più vicino al fiume Santerno, dove allora sorgeva un oratorio dedicato a San Giovanni. Nacque così la nuova Bagnara.

Una storia, per alcuni, ancora tutta da riscrivere. Gli scavi archeologici, attualmente in corso, forniscono ulteriori dati agli storici i quali potranno così affinare la ricostruzione dei fatti legati a Bagnara Vecchia.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse