Presentazione della città - Comune di Bagnara di Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Città e territorio - La città - Informazioni ge... - Presentazione della città  

Presentazione della città

 

Bagnara di Romagna è situata nel settore nord occidentale dell'ampia e fertile pianura alluvionale che circonda Ravenna, nel cuore della Romagna. È uno dei comuni più piccoli della provincia di Ravenna; il territorio comunale ha un'estensione di soli 10,02 kmq, con 1.871 abitanti (dato rilevato al 30 settembre 2005).
Dal 1° gennaio 2000 il comune di Bagnara fa parte dell'Associazione intercomunale della Bassa Romagna, assieme ai comuni di Alfonsine, Bagnacavallo, Conselice, Cotignola, Fusignano, Lugo, Massa Lombarda, Russi e S.Agata sul Santerno. Dal 1° gennaio 2008 l'Associazione intercomunale della Bassa Romagna è stata trasformata in Unione dei Comuni della Bassa Romagna. Un'area, quella della Bassa Romagna, che va considerata come parte del sistema integrato territoriale emiliano-romagnolo; in tale contesto, il territorio di Bagnara svolge un'importante funzione di cerniera tra le diverse aree (lughese, faentina e imolese ).
Caratterizzata da una florida economia, di derivazione in gran parte agricola, Bagnara di Romagna offre ai visitatori numerose ricchezze storiche, culturali e ambientali oltre alla tradizionale ospitalità e al calore della sua gente. In particolare, conserva un centro storico di notevole interesse, che testimonia una grande fioritura, nei vari secoli, dell'architettura civile e religiosa.
Bagnara si trova lungo gli Stradelli Guelfi , il percorso parallelo alla Via Emilia che un tempo collegava vari castelli, chiese e residenze signorili, da Bologna fino al mare. All'interno della famiglia dei borghi fortificati - ovvero dei "castelli" - Bagnara costituisce uno degli esemplari meglio leggibili nell'insieme; la struttura urbanistica è ben conservata nei suoi elementi fondamentali (la rocca, la cinta muraria, la porta civica, i terragli, le fosse) e le trasformazioni otto-novecentesche non hanno inciso sostanzialmente sulla fisionomia dell'antico nucleo.
In tutta la pianura emiliano-romagnola Bagnara di Romagna resta l'unico esempio di "castrum" medievale tuttora integralmente conservato.
L'intero sistema difensivo fu approntato in origine nel 1354 da Barnabò Visconti, dopo che questi aveva conquistato la località. Il castello rispecchia ancora oggi il sistema difensivo originale, peraltro rafforzato sotto la signoria dei Manfredi e completato per volere di Caterina Sforza alla fine del XV secolo.

La Rocca è stata recentemente restaurata, per essere destinata a fini museali. Elementi di notevole interesse sono il mastio, il cortile centrale (restituito all'aspetto rinascimentale), le loggette, le cantine, la sala consiliare al pianterreno (adornata da otto bei dipinti d'arte bolognese del Seicento e del Settecento) ed alcuni ambienti interni con soffitti lignei originali.
 
La Rocca, gli spazi verdi del fossato e le mura conferiscono a Bagnara un suggestivo aspetto medievale. Vi sono da visitare numerosi edifici religiosi, chiese, musei, palazzi storici ed aree di pregio archeologico e naturalistico: attrattive che fanno di Bagnara una delle sei città d'arte e di cultura riconosciute dalla Regione, nell'ambito della provincia di Ravenna.

 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse