Divieto di usare uova crude nei locali pubblici - Comune di Bagnara di Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Percorso: Home - Guida ai servizi - Notizie - Divieto di usare uova crude nei locali pubblici  

Divieto di usare uova crude nei locali pubblici

uova

Per tutta l'estate, e fino al 30 settembre non sarà più possibile consumare cibi a base di uova crude nei ristoranti e nei locali pubblici dei Comuni dell’Unione. Lo stabiliscono le ordinanze emanate nei giorni scorsi dai singoli Comuni che vietano la somministrazione di prodotti alimentari contenenti uova crude e non sottoposti, prima del consumo, a trattamento di cottura, nei locali di ristorazione pubblica e collettiva (ristoranti, mense, self service, ecc.), negli alberghi e in tutti gli esercizi di ospitalità. 

Il provvedimento ha l'obiettivo di evitare casi di tossinfezione alimentare da salmonelle, tenuto conto che nella stagione estiva il rischio di tossinfezione alimentare è maggiore per tutta la popolazione e che gli alimenti con uova crude sono frequentemente coinvolti in episodi di questo tipo.

Il provvedimento assunto non è nuovo per tutta la regione Emilia Romagna, ed i risultati sono positivi, visto che nel corso degli ultimi anni si è assistito ad una consistente riduzione degli episodi tossinfettivi riconducibili a salmonella causati da alimenti consumati presso esercizi di ristorazione pubblica e collettiva. 

Chi non si atterrà alle disposizioni contenute nell'ordinanza rischia un'ammenda o perfino l'arresto, così come prevede l'articolo 650 del Codice Penale.

 
 

Come fare per

 
 

Servizi per fasce di età e interesse